Schemi di terapia della prostatite acuta - Fitoprostata.net

Fitoprostata








servizio completamente gratuito
Vai ai contenuti
Principali domande sulla prostatite
Pagina precedente
Diagnosi della prostatite
Pagina successiva
Schemi di terapia : Prostatite cronica
COME CURARE LA PROSTATITE ACUTA CON FARMACI ANTIBATTERICI ED ANTINFIAMMATORI

Prostatite acuta batterica - Categoria I

La prostatite è una malattia infiammatoria delle ghiandole accessorie.
Le ghiandole accessorie sono le ghiandole bulboretrali , le vescicole seminali, l’epididimo e la prostata.
In questo capitolo analizzeremo la infezione della prostata o prostatite acuta.
Le prostatiti acute rappresentano il 5 % delle infezioni della prostata e rispondono in genere alle terapie antibiotiche mirate. Sono infiammazioni chiaramente associate ad un'infezione della ghiandola prostatica da parte di un microrganismo uropatogeno che raggiunge il tessuto prostatico.

Esistono dei fattori di rischio che sono:
Rapporti sessuali senza protezione
  • Fimosi o sclerosi del prepuzio
  • Stenosi della uretra
  • Ostruzione cervico uretrale
  • Calcolosi vescicale
  • Vescica neurologica
  • Manovre strumentali attraverso la uretra
  • Diabete mellito
  • Insufficienza renale
Come fanno i batteri a contaminare la prostata. Attraverso il reflusso urinario intraprostatico . Gli studi sulla calcolosi prostatica hanno portato ad affermare che i cristalli  dei calcoli prostatici sono presenti solo nelle urine  e non nel secreto prostatico (Rameriz 1980 ). Lo studio prevedeva che in pazienti da sottoporre a resezione transuretrale della prostata venivano iniettate  particelle di carbonio in vescica. Queste particelle di carbonio venivano ritrovate nel 70 % del tessuto prostatico asportato  (Lavoro di Kirby 1982). Cio significa che una cura profilattica con antibiotici e citrati di potassio e di magnesio che inibiscono la cristallizzazione degli acidi urici e degli ossalati in soggetti predisposti per attori di rischio può ridurre il rischio di sviluppo di una prostatite.  Studi prospettici hanno evidenziato un miglioramento della sintomatologia attuando semplici schemi terapeutici con cefalosporine /chinolonici e prodotti come il Litores o il Bromelit.


Tra i germi piu’ comuni che possono infettare  la prostata troviamo
  • Escherichia coli (80%)
  • Klebsiella
  • Enterobacter
  • Proteus
  • Enterococci
  • Staphylococci
Questi germi  possono raggiungere la prostata per via ascendente , attraverso l'ampolla rettale (attenti alle emorroidi), per via ematogena da altri focolai infettivi.
  
Ovviamente la prostatite acuta si sviluppa quando l'infezione supera le difese messe in atto dall'organismo . Le difese dell'organismo contro la colonizzazione dei germi sono :
  • Il washout  (lavaggio ) attraverso la minzione  (quindi nelle terapie si deve aumentare la minzione e favorire lo svuotamento vescicale)
  • Fattori di antiaderenza dei batteri (quindi si deve usare delle sostanze che impediscono la attecchimento dei batteri  spt gli enterobatteri, come il D-mannosio ed il Mirtillo )
  • Fattori prostatici  antibatterici  (spermina e zinco) (assumere zinco con gli alimenti  semi oleosi, legumi e cereali integrali, Semi di zucca,Mandorle,Semi di girasole,Fagioli,Ceci,Lenticchie.)
  • Lunghezza della uretra maschile
    
---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Quando si deve curare una fastidiosa prostatite acuta il percorso terapeutico deve essere a tutto campo prevedendo l'uso di sostanze battericide (che uccidono i germi) , sostanze che aiutano l'organismo a difendersi , sostanze che riducono i sintomi. Anche comportamenti igienico dietetici sono molto importanti. Difatti in caso di prostatite non si deve asumere caffè, cibi piccanti, alcolici , superalcolici , birra. Inoltre si devono assumere alimenti ricchi di sostanze utili alla cura delle prostatiti (zinco ed altri antiossidanti).
Il trattamento si basa sulla somministrazione di antibiotici MIRATI sul tipo di microbo infettante riconosciuto con gli esami colturali (urinocoltura e spermiocoltura) ed il conseguente antibiogramma. In assenza di specifiche informazioni eseguiremo la cosidetta terapia empirica.
Inizialmente, la somministrazione empirica di alte dosi di antibiotici battericidi, come i chinolonici , le penicilline ad ampio spettro o le cefalosporine di terza generazione, associate anche con aminoglicosidi, è necessaria fino alla scomparsa della  febbre e degli altri sintomi  a livello sistemico.
Dopo tale miglioramento, è possibile passare ad una terapia orale di alcune settimane  proseguendo con i chinolonici ed antiinfiammatori.
Solo nelle forme lievi si può iniziare subito con dei chinolonici.
In presenza di un modesto residuo postminzionale dopo minzione e di una sintomatologia disurica (compila il modulo  dei disturbi della prostatite) , è utile a nostro avviso associare un farmaco alfa-litico ed un antinfiammatorio fitoterapico  come coadiuvante ai trattamenti terapeutici instaurati .
Tali antinfiammatori possono essere usati per lunghi periodi anche senza protezione gastrica e privi di effetti collaterali.

Analizziamo alcuni schemi terapeutici dove per ogni tipo di prostatite sarà indicato il tipo di antibiotico, di antiinfiammatorio , di alfa litico, ed il motivo di prescrizione.
1. SCHEMA PER PROSTATITE ACUTA LIEVE
2. SCHEMA  PER PROSTATITE  ACUTA CON IPERTROFIA PROSTATICA
3. SCHEMA PER PROSTATITE ACUTA GRAVE

Tab. 1  Prostatite acuta lieve

Sostanze che uccidono i batteri

Sostanze che potenziano le difese dell'organismo

Sostanze antiinfiammatorie che riducono i sintomi

 
Mantenere adeguate norme igienico dietetiche : eliminare nel periodo della fase acuta caffè, cibi piccanti , alcolici, superalcolici, birra. Non effettuare rapporti sessuali ed escludere attività fisica (palestra e bicicletta). Assumere dieta leggera.
Farmaco
Dosaggio
Durata terapia
Motivazione di prescrizione
Chinoplus  cpr
1  cpr  al di
20 giorni
E' un antibiotico della categoria dei chinolonici che hanno ottima penetrazione nel tessuto prostatico. Uccide i batteri responsabili.
Tamsulosina cps
(farmaci alfa litici)
1 cps alle ore 10
20 giorni
E' un alfa litico , un farmaco che aiuta la vescica a svuotarsi quando ci sono situazione che si oppongono allo svuotamento. Agisce potenziando il wash out , quindi favorendo le difese dell'organismo alla colonizzazione batterica. Spesso questi farmaci hanno effetti collaterali importanti  che nei giovani ne limitano l'uso: possono abbassare la pressione arteriosa  e non far vedere la eiaculazione (eiaculazione retrograda) in quanto spingono lo sperma in vescica.  Nei giovani pertanto e in chi non vuole assumere questi farmaci  esistono a disposizione degli integratori che contengono BOLDUS (principio attivo Dimetossi -diidrossi aporfina). Questa sostanza si trova in due integratori complementari tra loro che sono l'aposer ed il picnogen . Pertanto al posto dell'alfa litico si può usare un alfa litico naturale.
2 cpr dopo colazione
20 giorni
Il ruolo del mirtillo è quello di potenziare la eliminazione dei germi senza ucciderli ma favorendone la eliminazione impedendone la adesività alle pareti della vescica . Assieme al washout  riduce la concentrazione di germi nelle urine nella genesi delle prostatiti  tramite la riduzione di reflusso intraprostatico di urine infette. Non tutti i mirtilli in commercio sono uguali : servono alte concentrazioni di proantocianidine e QUESTE SI RITROVANO NEL MIRTILLO AMERICANO. Inoltre il mirtillo acidifica le urine potenziando le difese urinarie : le urine acide sono battericide.

2 cpr prima di andare al letto dopo aver urinato


30 giorni

Il ruolo di Coliman è legato alla presenza del D-mannosio che ascisce impedendo, cosi come il mirtillo , l'adesività batterica alla partete vescicale. Lqa attività del d-mannosio è coadiuvata dalla uva ursina che agisce da antisettico e da diuretico.



1 cpr ogni 12 ore



20 giorni
In ogni infiammazione si liberano radicali liberi  dannosi per l'organismo. Picnogen contiene antiinfiammatori (ficocianidine del pinus massonico), antibatterici  (propoli)  ed antissodianti , 3 , tra i piu' potenti in natura: mangostano, resvetrarolo , alga klamath,  ed alfa litico naturale favorente la minzione  (Dimetossi idrossi aporfina del Boldus).
Effetti collaterali nessuno



1 bustina ogni 12 ore


15 giorni
Serenoa repens che è antiedemigeno , bromelina ; antiinfiammorio antiedemigeno; uva ursina ; urtica dioica; boldo , viene considerato assieme al picnogen  come il miglior integratore per coadiuvare i trattamenti antibiotici delle prostatiti acute. Il mix dei suoi componenti non lascia scampo ai fastidiosi sintomi rendendo apores  indispensabile nella cura di ogni prostatite.  
1 bustina
2 mesi
impediscono il reflusso intraprostatico
Tab. 1  Prostatite acuta lieve con concomitante ipertrofia prostatica

Sostanze che uccidono i batteri

Sostanze che potenziano le difese dell'organismo

Sostanze antiinfiammatorie che riducono i sintomi

 
Mantenere adeguate norme igienico dietetiche : eliminare nel periodo della fase acuta caffè, cibi piccanti , alcolici, superalcolici, birra. Non effettuare rapporti sessuali ed escludere attività fisica (palestra e bicicletta). Assumere dieta leggera.
Farmaco
Dosaggio
Durata terapia
Motivazione di prescrizione
Chinoplus  cpr
1  cpr  al di
20 giorni
E' un antibiotico della categoria dei chinolonici che hanno ottima penetrazione nel tessuto prostatico. Uccide i batteri responsabili.
Tamsulosina cps
(farmaci alfa litici)
1 cps alle ore 10
20 giorni
E' un alfa litico , un farmaco che aiuta la vescica a svuotarsi quando ci sono situazione che si oppongono allo svuotamento. Agisce potenziando il wash out , quindi favorendo le difese dell'organismo alla colonizzazione batterica. Spesso questi farmaci hanno effetti collaterali importanti  che nei giovani ne limitano l'uso: possono abbassare la pressione arteriosa  e non far vedere la eiaculazione (eiaculazione retrograda) in quanto spingono lo sperma in vescica.  Nei giovani pertanto e in chi non vuole assumere questi farmaci  esistono a disposizione degli integratori che contengono BOLDUS (principio attivo Dimetossi -diidrossi aporfina). Questa sostanza si trova in due integratori complementari tra loro che sono l'aposer ed il picnogen . Pertanto al posto dell'alfa litico si può usare un alfa litico naturale.
2 cpr dopo colazione
20 giorni
Il ruolo del mirtillo è quello di potenziare la eliminazione dei germi senza ucciderli ma favorendone la eliminazione impedendone la adesività alle pareti della vescica . Assieme al washout  riduce la concentrazione di germi nelle urine nella genesi delle prostatiti  tramite la riduzione di reflusso intraprostatico di urine infette. Non tutti i mirtilli in commercio sono uguali : servono alte concentrazioni di proantocianidine e QUESTE SI RITROVANO NEL MIRTILLO AMERICANO. Inoltre il mirtillo acidifica le urine potenziando le difese urinarie : le urine acide sono battericide.

2 cpr prima di andare al letto dopo aver urinato


30 giorni

Il ruolo di Coliman è legato alla presenza del D-mannosio che ascisce impedendo, cosi come il mirtillo , l'adesività batterica alla partete vescicale. Lqa attività del d-mannosio è coadiuvata dalla uva ursina che agisce da antisettico e da diuretico.



1 cpr ogni 12 ore



20 giorni
In ogni infiammazione si liberano radicali liberi  dannosi per l'organismo. Picnogen contiene antiinfiammatori (ficocianidine del pinus massonico), antibatterici  (propoli)  ed antissodianti , 3 , tra i piu' potenti in natura: mangostano, resvetrarolo , alga klamath,  ed alfa litico naturale favorente la minzione  (Dimetossi idrossi aporfina del Boldus).
Effetti collaterali nessuno



1 bustina ogni 12 ore


15 giorni
Serenoa repens che è antiedemigeno , bromelina ; antiinfiammorio antiedemigeno; uva ursina ; urtica dioica; boldo , viene considerato assieme al picnogen  come il miglior integratore per coadiuvare i trattamenti antibiotici delle prostatiti acute. Il mix dei suoi componenti non lascia scampo ai fastidiosi sintomi rendendo apores  indispensabile nella cura di ogni prostatite.  


1 bustina

2 mesi

Impediscono il reflusso intraprostatico di urine infette

Tab. 1  Prostatite acuta grave (presenza di tutti i sintomi)

Sostanze che uccidono i batteri

Sostanze che potenziano le difese dell'organismo

Sostanze antiinfiammatorie che riducono i sintomi

 
Mantenere adeguate norme igienico dietetiche : eliminare nel periodo della fase acuta caffè, cibi piccanti , alcolici, superalcolici, birra. Non effettuare rapporti sessuali ed escludere attività fisica (palestra e bicicletta). Assumere dieta leggera.
Farmaco
Dosaggio
Durata terapia
Motivazione di prescrizione
Tazocin 2,25


Glazidim 1 gr

Bramicil 100 mg
1 fiala  ogni 12 ore pr tre giorni poi 1 al di

1 Fiala im al di

1 fl im al di
5-7 giorni


10 giorni

7 giorni
PENICILLINE LARGO SPETTRO
                  

CEFALOSPORINE DI TERZA GENERAZIONE

AMINOGLICOSIDI                                     

Topster  supposte                                    

Oki supposte 160 mg  


Spidifen 600
1 supposta alla sera


1 supposta alla sera


1 bustina ogni 12 ore a stomaco pieno  
10 sere


10 sere


5 giorni
E' un cortisonico che trova indicazione nelle prostatiti acute poichè il formato supposta libera grandi quantita a contatto della prostata una volta inserito il presido rettale

Ketoprofene  ad alti dosaggi è tra i migliori fans per la cura delle prostatiti acute.


L'ibuprofene ad alti dosaggi è tra i migliori farmaci dopo l'aulin utilizzati come antiinfiammatori orali nelle prostatiti

TAMSULOSINA (farmaci alfa litici)




1 cps alle ore 10




20 giorni
E' un alfa litico , un farmaco che aiuta la vescica a svuotarsi quando ci sono situazione che si oppongono allo svuotamento. Agisce potenziando il wash out , quindi favorendo le difese dell'organismo alla colonizzazione batterica. Spesso questi farmaci hanno effetti collaterali importanti  che nei giovani ne limitano l'uso: possono abbassare la pressione arteriosa  e non far vedere la eiaculazione (eiaculazione retrograda) in quanto spingono lo sperma in vescica.  Nei giovani pertanto e in chi non vuole assumere questi farmaci  esistono a disposizione degli integratori che contengono BOLDUS (principio attivo Dimetossi -diidrossi aporfina). Questa sostanza si trova in due integratori complementari tra loro che sono l'aposer ed il picnogen . Pertanto al posto dell'alfa litico si può usare un alfa litico naturale.



2 cpr dopo colazione



20 giorni
Il ruolo del mirtillo è quello di potenziare la eliminazione dei germi senza ucciderli ma favorendone la eliminazione impedendone la adesività alle pareti della vescica . Assieme al washout  riduce la concentrazione di germi nelle urine nella genesi delle prostatiti  tramite la riduzione di reflusso intraprostatico di urine infette. Non tutti i mirtilli in commercio sono uguali : servono alte concentrazioni di proantocianidine e QUESTE SI RITROVANO NEL MIRTILLO AMERICANO. Inoltre il mirtillo acidifica le urine potenziando le difese urinarie : le urine acide sono battericide.

2 cpr prima di andare al letto dopo aver urinato


30 giorni

Il ruolo di Coliman è legato alla presenza del D-mannosio che ascisce impedendo, cosi come il mirtillo , l'adesività batterica alla partete vescicale. Lqa attività del d-mannosio è coadiuvata dalla uva ursina che agisce da antisettico e da diuretico.



1 cpr ogni 12 ore



20 giorni
In ogni infiammazione si liberano radicali liberi  dannosi per l'organismo. Picnogen contiene antiinfiammatori (ficocianidine del pinus massonico), antibatterici  (propoli)  ed antissodianti , 3 , tra i piu' potenti in natura: mangostano, resvetrarolo , alga klamath,  ed alfa litico naturale favorente la minzione  (Dimetossi idrossi aporfina del Boldus).
Effetti collaterali nessuno



1 bustina ogni 12 ore


15 giorni
Serenoa repens che è antiedemigeno , bromelina ; antiinfiammorio antiedemigeno; uva ursina ; urtica dioica; boldo , viene considerato assieme al picnogen  come il miglior integratore per coadiuvare i trattamenti antibiotici delle prostatiti acute. Il mix dei suoi componenti non lascia scampo ai fastidiosi sintomi rendendo apores  indispensabile nella cura di ogni prostatite.  
1 bustina
2 mesi
impediscono il reflusso intraprostatico grazie ai citrati, ma coadiuvano anche i trattamenti antibiotici grazie alla presenza di bromelina, uva ursina,  boldus.
Torna ai contenuti