Terapia chirurgica della prostatite - Fitoprostata.net

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Terapia chirurgica della prostatite

La prostatite
Pagina precedente
Effetti di prostatite mal curata



Le innumerevoli aggiunte di informazioni,  effettuate in progress , per garantire aggiornamento continuo, hanno creato un sito veramente completo, ma vasto. Per orientarvi abbiamo fornito una mappa  che vi aiuterà nella consultazione delle sessioni trattate

MAPPA DEL SITO

Pagina successiva
Effetti collaterali della terapia

TERAPIA CHIRURGICA DELLA PROSTATITE

In situazioni specifiche sono state impiegate metodologie chirurgiche di trattamento tese a rimuovere o distruggere parte del tessuto prostatico, ma le conseguenze sulla ejaculazione e sulla fertilità (nel migliore dei casi l’ejaculazione retrograda) ne limitano le indicazioni. Ovvio che possano sussistere situazioni particolari in cui non sia possibile agire diversamente, ma queste debbono essere valutate con molta attenzione ed avendo tentato prima ogni altra possibile soluzione; le fondamentali ragioni di azione chirurgica sono:

  • danni renali da reflusso ureterale urinario, spesso connesso ad infezioni persistenti ed intrattabili delle urine

  • stenosi (rigidità permanente o riduzione del calibro) dell’uretra prostatica che impedisce il corretto deflusso urinario e la possibile formazione di calcoli vescicali ed uretrali prossimali

  • ascessi intrattabili intraprostatici.

                                                
Le principali forme di trattamento chirurgico sono:
La TURP (Trans Urethral Resection of Prostate) che consente di resecare con un apposito strumento introdotto per via uretrale, in anestesia geenrale o spinale, la parte di tessuto cicatriziale o iperplastico infiammato e di asportarlo, lasciando poi il lavaggio finale dei residui alla minzione forzata da una elevata idratazione; le complicazioni operative possono essere il sanguinamento, il dolore minzionale, le infezioni locali o estese ai testicoli o alla via urinaria alta che devono essere trattate d’urgenza; il tempo di guarigione e spesso molto lungo e non sempre completo; la TUIP (Trans Urethral Incision of Prostate) e la TUILC (Trans UrethralInterstitial Laser Coagulation) sono tecnologie più avanzate della TURP e meno lesive, che incidono le pareti dell’uretra prostatica dalla superficie (TUIP) o per trasmisisone termica sottomucosa (TUILC); tutte le tre tecniche hanno il fine di ampliare il canale di transito urinario: certamente danno ottimi risultati per il trattamento delle ostruzioni uretrali da adenoma prostatico e da stenosi uretrale, ma in assenza di tali problemi non hanno significato nel trattamento della prostatite anche se diversi centri tendono a proporle.
La termoterapia utilizza il principio di distruzione indotto dalle micro-onde trasmesse da una apposita sonda introdotta per via rettale o anche uretrale (TUMT: Trans Urethral Microwaves Thermotherapy).
La prostatectomia (asportazione della prostata) è un intervento da riservare solamente a situazioni realmente intrattabili con ogni altro mezzo per il facilmente comprensibile danno definitivo alla funzione genitale.


Consulta i nostri SPECIALISTI disponibili
on line 24 ore su 24 per ottenere qualsiasi
informazione sulla tua patologia
ed ogni chiarimento sui prodotti fitoterapici ed il loro utilizzo.

consulta anche i siti

WWW.ANTIGENEPROSTATICOSPECIFICO.NET

WWW.CURAREILSANGUENELLOSPERMA.NET

WWW.FITOVENE.NET

WWW.CALCOLOSIRENALE.COM

CLICCA SUL BANNER SOTTOSTANTE PER UN SITO SEMPRE AGGIORNATO
 
Torna ai contenuti | Torna al menu