Schemi di terapia della prostatite cronica - Fitoprostata.net

Fitoprostata








servizio completamente gratuito
Vai ai contenuti
La prostatite
Pagina precedente
Schemi terapia della prostatite acuta
Pagina successiva
Schemi di terapia: CSSP III a/b

Prostatite cronica batterica - Categoria II
I pazienti che appartengono a questa categoria presentano infezioni ricorrenti del basso tratto urinario, che possono essere evidenziate con opportuni esami (spermiocoltura e test di Meares Stamey ). Il ritrovamento di batteri o altri microrganismi patogeni giustifica l'utilizzo come prima scelta di una terapia antibiotica.
I chinolonici  sembrano possedere numerosi vantaggi rispetto ad altri farmaci, sia per la marcata attività battericida, sia per l’elevata capacità di penetrazione nei tessuti prostatici, sia  per la mancanza di tossicità  dimostrata  nelle terapie medio lunghe (diverse settimane).
Nella prostatite cronica gli antibiotici sono gli stessi della acuta. I periodi di somministrazione sono però più lunghi.
La prostatite cronica rappresenta invece un problema terapeutico molto più arduo perché la massima parte dei chemioantibiotici non riesce a concentrarsi nel tessuto e nel liquido prostatico in ragione sia di un pH acido (6.4) della secrezione prostatica sia  della non liposolubilità della maggior parte dei farmaci antibatterici, sia, soprattutto, delle alterazioni che la flogosi cronica induce a livello dell’acino prostatico che finisce così per rappresentare un ostacolo pressoché insormontabile alla diffusione dell’antibiotico.
La terapia delle forme croniche ha tuttavia subito profonde modificazioni in tempi recenti, da quando cioe sono comparsi sulla scena terapeutica i fluorochinoloni ed i monobattami.
Queste molecole si sono infatti dimostrate in grado di penetrare agevolmente all’interno del tessuto e nelle secrezioni prostatiche anche in condizioni di flogosi cronica della ghiandola e di possedere uno spettro d’azione particolarmente adatto alla terapia di queste infezioni.
In particolare i fluorochinolonì (ciprofloxacin -  levofloxacin) hanno rappresentato un decisivo passo avanti in quanto dotati  di uno spettro antibatterico molto adatto all’etiologia della prostatite e per la capacità unica di raggiungere concentrazioni terapeuticamente efficaci nel tessuto prostatico anche in corso di Flogosi cronica.
La terapia con queste molecole ha portato la percentuale di guarigione di questo torme dal 25% del cotrimossazolo al 70-80% attuale.
Il  monobattamico  aztreonam (AZACTAM 1 gr /PRIMBACTAM 1gr) , agente dotato d’elevatissima attività verso i microrganismi gram-negatìvi è da considerarsi uno degli antibiotici di scelta nel trattamento delle infezioni urinarie, può trovare anch’esso utile impiego in queste forme ma la sua capacità di penetrazione all’interno del tessuto prostatico è tuttavia interiore a quella dei fluorochinoloni.




SCHEMI DI TERAPIA  PROSTATITE  CRONICA II (vedasi tabelle sottostanti)
1. Fluorochinolone a spettro allargato (solitamente lomefloxacina , levofloxacina , ciprofloxacina)  associato a ...
2. Macrolide (buona penetrazione prostatica) per la spiccata attività nei confronti dei batteri gram-positivi, di micoplasmi e di Chlamydia, e dalla capacità di inibire la formazione dei biofilm, costituiti da colonie batteriche annidate all’interno di matrici polisaccaridiche. La persistenza dei biofilm batterici a livello prostatico, e la loro resistenza a concentrazioni battericida di antibiotici, è ritenuta essere la principale causa delle recidive e delle persistenze nelle prostatiti di tipo II.
3. Alfa-litici: doxazosina (BENUR 4 mg) , alfuzosina, tamsulosina (PRADIF, OMNIC ) , terazosina  (TERAPROST) in associazione con la terapia antibiotica. Se il paziente presenta sintomi di tipo ostruttivo, un abbassamento del flusso massimo di urina ed un residuo di urina post-minzione, l'aggiunta dell'alfa-bloccante è una giustificata scelta terapeutica.
4. La terapia di associazione comprende inoltre un farmaco ad attività antinfiammatoria a livello prostatico da assumere per un periodo di somministrazione prolungato (4-6 settimane, con possibilità di ripetere un secondo ciclo di trattamento dopo due mesi). Pertanto si preferisce assumere  farmaci che, se somministrati per lunghi periodi, non causano effetti indesiderati a livello gastrico. Inoltre, si preferisce evitare l'associazione con antinfiammatori non-steroidei, data la possibile influenza sulla soglia convulsiva del soggetto (l'interazione ciprofloxacina-FANS può esercitare un'azione inibitoria sulla formazione di GABA, che potrebbe portare ad un'eccessiva stimolazione del sistema nervoso centrale. Gli estratti di Serenoa repens ma sopratutto la bromelina ad essa associata (Aposer bustine ) o l’associazione  D-mannosio - Uva ursina  sotto il nome commerciale di COLIMAN mostrano un profilo antinfiammatorio a livello prostatico  e sono per questo somministrati in terapia di associazione agli antibiotici per garantire il benessere fisiologico della ghiandola prostatica. Nella prostatite cronica, causa il perdurarsi di un processo flogistico cronico, si lebrano anche radicali liberi potenziamente dannolsi per il tesssuto prostatico. nella maggior parte dei casi si dovrebbe utilizzare quindi antiossidanti uniti ad antiinfiammatori. Picnogen racchiude in se tute le caratteristiche di un integratore studiato per contrastare i processi infiammatori e la liberazione dei radicali liberi . Picnogen (propoli, resvetrarolo, mangostano, alka klamath, pino massoniano  e boldus ) può essere utilizzato da solo o in associzione a mirtillo (Mirtiman).
E' inoltre possibile l'integrazione della terapia medica con supplementi che mostrino attività favorevole a livello della ghiandola prostatica (Licopene, Selenio, Zinco, ecc. presenti in numerosi integratori ) oppure l'utilizzo in associazione del SOD me antiossidante e contro i radicali liberi
E' inoltre possibile l'integrazione della terapia medica con supplementi che mostrino attività favorevole a livello della ghiandola prostatica (Licopene, Selenio, Zinco, ecc. presenti in numerosi integratori ) oppure l'utilizzo in associazione del SOD me antiossidante e contro i radicali liberi sottoforma di preparato chiamato Picnogen  al quale si è aggiunto il Mirtiman (proantocianidine ).
La  integrazione ai trattamenti suscritti è utile   per contrastare in maniera naturale la persistenza del dolore da prostatite  e per  ricostituire  l'ambiente fisiologico normale   tramite l'impiego di molecole che catturino e neutralizzino l'ossigeno radicalico  e l' anione superossido (O?e O2?) che sono potenti  reattivi infiammatori rilasciati in eccesso  nei  processi infiammatori stessi, sopratutto quelli cronici , come può essere una prostatite.
La  integrazione ai trattamenti suscritti è utile   per contrastare in maniera naturale la persistenza del dolore da prostatite  e per  ricostituire  l'ambiente fisiologico normale   tramite l'impiego di molecole che catturino e neutralizzino l'ossigeno radicalico  e l' anione superossido (O?e O2?) che sono potenti  reattivi infiammatori rilasciati in eccesso  nei  processi infiammatori stessi, sopratutto quelli cronici , come può essere una prostatite.
Il tutto in maniera naturale.
Se persistono i sintomi per la persistenza dei microrganismi infettanti,  dopo un primo ciclo di terapia di associazione, si necessita di  un secondo ciclo di trattamento (Leggendo l’antibiogramma si utilizza il farmaco chinolonico o macrolide caratterizzato dalla più bassa MIC)


In genere  la sospensione della terapia provocherà il riaffacciarsi della sintomatologia e probabilmente una recidiva dell'infezione urinaria ricorrente.
In presenza di sintomi, ma in assenza di quest'ultima  si preferisce proseguire con gli integratori per cicli più lunghi anche di tre mesi

Consulta schemi sottostanti
Tab. 1  Prostatite cronica
Antibiotico
Dosaggio
Durata terapia
Chinoplus 600
Levoxacin 500
 1  cpr  al di
    20 giorni
Trozocina cpr (macrolide)
1 cpr al di pre tre giorni
Ogni 15 giorni
(almeno tre cicli)
Tamsulosina cps
cps alle ore 10
    90 giorni

 1 cpr ogni 12 ore

2 cpr alla sera prima di andare al letto dopo aver urinato

1 cpr al di  

1 bustina al di
    90  giorni
   
90 giorni

90 giorni

90 giorni
Tab. 2  Prostatite cronica con calcificazioni prostatiche
Si aggiunge l'antiossidante
Antibiotico
Dosaggio
Durata terapia
Chimono cpr
 1  cpr  al di
    20 giorni
Trozocina cpr
1 cpr al di pre tre giorni
Ogni 15 giorni
(Tre cicli)
Tamsulosina cps
cps alle ore 10
    90 giorni
 1 cpr ogni 12 ore

1 bustina  ogni 12 ore
    90  giorni
   
90 giorni
1 cpr al di
180 giorni
1 bustina ogni 12 ore
1 bustina ogni 12 ore

120 giorni
ACQUISTA APOSER ON-LINE
EURO 21.00
www.aposer.eu
UROLOGI IN ASCOLTO

SERVIZIO   PER TUTTI I PAZIENTI
CON PROBLEMATICHE UROLOGICHE
Consulta
gratuitamente e senza impegno i nostri SPECIALISTI disponibili
on line 24 ore su 24 per ottenere qualsiasi
informazione sulla tua patologia
ed ogni chiarimento sui prodotti fitoterapici ed il loro utilizzo.
CLICCA QUI




Torna ai contenuti